Plus Hostels website

di Alessia Del Vigo

Nella giornata di martedì le forze di sicurezza tedesche, precisamente il BKA (Bundeskriminalamt) hanno fermato un giovane, trovato in possesso di alcune specifiche sostanze chimiche che vengono normalmente utilizzate per la fabbricazione di esplosivi. Le quantità di materie prime rinvenute sarebbero sufficienti a organizzare un attentato. I sospetti sul giovane sono nati a partire da una serie di intercettazioni che lo hanno visto partecipare attivamente, in almeno nove casi, a gruppi e chat di estremisti islamici vicini all’Isis sulla piattaforma Telegram.

Già dal gennaio del 2019 il giovane sarebbe stato posto sotto sorveglianza e le sue comunicazioni sarebbero state monitorate pressoché costantemente, poiché risultava che avesse offerto ad altri consigli e istruzioni su come costruire armi e ordigni esplosivi. L’indicazione che aveva allertato le autorità tedesche era arrivata da un servizio segreto straniero.

Photo: Georg Slickers

Il senatore degli interni di Berlino Andreas Geisel (SPD), ha fatto sapere alla stampa che l’arrestato, Abdullah H., di origine siriana, ha 26 anni e lavorava come addetto alle pulizie in una scuola elementare. In passato aveva lavorato anche presso il Bode-Museum. Geisel non ha invece fornito informazioni sulla presenza o meno di complici sul territorio tedesco “per motivi tattici legati alle indagini in corso”. Secondo le agenzie di stampa, il giovane sarebbe entrato in Germania nel 2014 e gli sarebbe stato riconosciuto lo status di rifugiato. Abdullah H. avrebbe un permesso di soggiorno regolare e risulterebbe sposato.

È stato arrestato nel suo appartamento di Meraner Straße, nel quartiere di Schöneberg.
Ancora non è chiaro quale fosse il luogo prescelto per l’attentato in via di pianificazione. I messaggi scritti dal giovane nelle chat esaminate lasciano intendere che il suo scopo fosse quello di uccidere quante più persone possibile.

Per il momento le forze dell’ordine non hanno diffuso altre informazioni e il sindaco della città di Berlino Michael Müller ha ringraziato gli agenti per il loro tempestivo intervento e per aver prevenuto quello che si profilava come un atto terroristico.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here