Photo by Conrado Reis / CC BY 2.0

Metti un tour a Berlino e un itinerario tra edifici storici e opere contemporanee. Cosa vedere? Per non cadere nei classici stereotipi dei tour da cartolina occorre guardare a quei percorsi che sorprendono per l’inaspettata audacia delle loro forme o per l’originalità con cui gli architetti hanno saputo ricreare gli spazi originari dando vita a soluzioni uniche e curiose. Lasciamo ad un altro spazio i percorsi tipici dell’architettura della DDR, per concentraci qui sugli edifici meno conosciuti.

Álvaro Siza pur essendo stato uno dei maggiori architetti del nostro tempo, si è sempre tenuto a distanza dalle autocelebrazioni dei suoi colleghi. Seguendo i principi del modernismo poetico ha creato uno degli edifici simbolo di Berlino: la Schlesisches Tor ubicata al civico 7 di Schlesische Straße nel quartiere Kreuzburg. È la storia di un progetto che è diventato un’icona da quando un improbabile inquilino del palazzo ha lasciato un segno indelebile sulla facciata della struttura: Bonjour Trsistesse. Questa la scritta che campeggia sulla facciata proprio al di sotto dell’enorme occhio che guarda oltre il muro che un tempo divideva le due anime di Berlino. Oggi l’occhio osserva placido il fiume Sprea divenuto un’attrazione turistica al pari dei resti del muro stesso. E segno dei tempi che cambiano una nuova scritta in rosso: Bitte Leben.

Una stazione ferroviaria che diventa spazio espositivo per mostre di arte contemporanea. La Hamburger Bahnhof è stata ristrutturata su progetto di Josef Paul Kleihues che a Berlino si è occupato di molti altre opere tra cui gli edifici in Max-Reinhardt-Platz e dell’Apartment Tower di Alexanderplatz. Nel caso dell’Hamburger Bahnhof le strutture tradizionali della vecchia stazione sono state mantenute, mentre all’interno le sale dalle altezze vertiginose e gli ampi spazi sono stati trasformati in luoghi di cultura. Un dialogo tra tradizione e modernismo che si rifà nelle intenzioni di Kleihues a quello tra Illuminismo e Rinascimento. Quindi se siete appassionati di arte contemporanea avrete modo di ammirare nelle sale dell’Hamburger Bahnhof i capolavori artistici lasciati in eredità dal collezionista Ernst Marx. Centinaia di opere tra cui le installazioni di Joseph Beuys, genio ribelle nel panorama artistico del Novecento e il celebre Mao di Andy Warhol.

Al centro del processo di trasformazione che ha coinvolto Berlino a partire dalla fine degli Ottanta troviamo Potsdamer Platz, per anni uno dei cantieri urbani più grandi del mondo. Hanno partecipato alla creazione di questo nuovo spazio urbano architetti del calibro di Renzo Piano, del giapponese Arata Isozaki e del tedesco Helmut Jahn. Tutti architetti di fama mondiale che a Potsdamer Platz hanno lasciato il segno. In questo spazio urbano troviamo la torre Debis, realizzata da Piano, alta centosei metri e progettata scorporando i singoli elementi architettonici. Ci sono anche cinema, spazi espositivi come DaimlerChrysler Atrium dove vengono allestite mostre d’arte e perfino un casinò.

Lo SpielBank Casino è una delle sale da gioco più famose di Berlino dove non manca di certo uno dei giochi più caratteristici e celebrati del nostro continente: la roulette europea, che a differenza di quella americana ha un solo zero con una percentuale di ritorno al giocatore superiore rispetto alla cugina d’oltreoceano.

Da spazi coperti riservati al gioco, a spazi aperti che grazie ad una riprogettazione ecosostenibile sono diventate aree urbane popolate da skaters, lettori accaniti all’aria aperta e da tutti coloro che vogliono divertirsi negli oltre 24 ettari di terreno che costituiscono il Gleisdreieck, ovvero il “Triangolo delle rotaie”. Il parco era un tempo linea di intersezione tra tre linee urbane che trasportavano merci e persone in giro per la città. Il vecchio tracciato ferroviario divide in due l’area: il West Park e l’Ost Park. Il fatto che siano stati mantenuti i vecchi binari testimonia la volontà di sopravvivenza del genius loci di un tempo, integrato in un’area con ampi spazi ricreativi, dei mulini a vento e di comode ed eleganti aree per il relax.