potsdamer platz
Photo by Wendelin Jacober

Potsdamer Platz è stata ricostruita nel 1990, diventando il simbolo della “nuova” e attuale Berlino, nonchè della capacità della capitale tedesca di proiettarsi costantemente nel futuro.
Si divide idealmente in tre settori: Daimler City (altrimenti detta Area Daimler Chrisler), Sony Center e Besheim Centre, ma ai tempi della divisione della città imposta dal Muro era ancora uno spiazzo totalmente desolato. Solo dopo il 1989 divenne centro dell’azione di diverse forze, che tutte insieme contribuirono a trasformarla in quello che è oggi.

Grazie all’impulso dell’allora senatore allo sviluppo urbano Volker Hassener, infatti, la ricostruzione ebbe il sostegno della Daimler-Benz e della Sony, La progettazione fu invece affidata, previo concorso, agli studi Heinz Himmler e Christoph Sattler, di Monaco, mentre Helmut Jahn e il nostro Renzo Piano firmarono i progetti esecutivi.

Le diverse visioni confluirono in una sorta di doppia estetica, che rende Potsdamer Platz in qualche modo un’espressione di sensibilità europea (soprattutto legata all’approccio combinato Piano-Daimler-Benz) e al tempo stesso un trionfo ultramoderno, nato soprattutto dall’impulso del combo Jahn-Sony ed espresso al massimo nel Sony Center, imponente copertura in vetro e acciaio che è impossibile non notare.
All’interno del Sony Center ci sono sale cinematografiche (anche in 3D e in lingua inglese) e il museo del cinema tedesco.

Altri edifici da segnalare sono la Torre Kollhoff, con un belvedere (Panorama Punkt) sospeso a ben 93 metri di altezza, la Torre Debis di Renzo Piano, che si eleva per 106 metri e 22 piani ed è stato il primo edifico ad essere stato completato, e l’Hotel Esplanade, sopravvissuto alla seconda guerra mondiale e incredibilmente suggestivo, con la sua facciata barocca così in contrasto con l’attuale morfologia di Potsdamer Platz.

Interessanti sono anche il Daimler Chrysler Atrium, che ospita un autosalone, mostre d’arte e un bacino artificiale d’acqua, e il Weinhaus Huth, l’unico palazzo risalente a un periodo antecedente alla seconda guerra mondiale.
Ci sono poi il centro commerciale Arkaden, davvero imponente con i suoi 140 negozi, locali, ristoranti, studi medici e un parcheggio di 4000 posti e, il teatro musicale Theater am Potsdamer Platz, progettato da Renzo Piano.

Dal 2002, inoltre, Potsdamer Platz è sede di uno degli eventi più importanti per il cinema internazionale: il Festival internazionale del cinema di Berlino, altrimenti noto come Berlinale. Il festival si tiene nel mese di febbraio per undici giorni e ha luogo principalmente proprio nel Theater am Potsdamer Platz, in quella circostanza ribattezzato Berlinale Palast.

Informazioni per arrivare a Potsdamer Platz
Potsdamer Platz 1, 10785 Berlin
Autobus: Berlin, Varian-Fry-Str./Potsdamer Platz
200 M41 M48 M85 N2
Treno: S+U Potsdamer Platz Bhf
RE4 RB10 RE3 RE5

Leggi anche: I quartieri di Berlino – Prenzlauer Berg

Leggi anche: I quartieri di Berlino – Treptow-Köpenick

Leggi anche: I quartieri di Berlino – Prenzlauer Berg