Vostel: la startup che agevola il volontariato a Berlino

8 May 2016

Share Button
teamfoto_vostel_komprimiert

Le fondatrici di Vostel Hanna Lutz e Stephanie Frost

Con lo slogan “Getting involved is that simple”, una start-up sociale si propone di rendere il volontariato a Berlino un’attività semplice e divertente per chiunque. La piattaforma vostel.de cerca infatti di coinvolgere expats e turisti in diversi progetti locali concepiti per conciliarsi con gli interessi e la disponibilità di chiunque. In questo modo trovare organizzazioni no profit e iniziative di carattere sociale in cerca di supporto diventa estremamente facile.

Fondata solamente nel 2015, Vostel conta già 1600 volontari registrati, 50 organizzazioni partner e 80 diversi progetti promossi nella città di Berlino e dintorni. Attraverso la piattaforma, bilingue e facilmente accessibile, i fondatori hanno cercato di ridurre ogni tipo di barriera per gli aspiranti volontari in una città multiculturale come Berlino. Essendo spesso le richieste di altre piattaforme di volontariato formulate in tedesco, infatti, restano spesso automaticamente tagliati fuori turisti, expats che non hanno ancora imparato la lingua o rifugiati. Questo è il motivo per cui molti dei progetti promossi da Vostel non richiedono la conoscenza della lingua tedesca e possono essere supportati anche per un solo giorno. Più di 50 organizzazioni e iniziative beneficiano dei volontari di Vostel, da importanti NGO come Berliner Stadtmission e Caritas a realtà più piccole e meno conosciute, che attraverso Vostel riescono a raggiungere un target più ampio.

Disponibili più di 80 progetti di lungo o breve periodo, che variano dal supporto in una mensa per rifugiati a workshop artistici per i bambini. Il team, fondato da due giovani imprenditrici tedesche, Stephanie Frost (28 anni) e Hanna Lutz (29 anni), ha iniziato la sua attività nel settembre 2014. Avendo ricevuto fin dall’inizio un grandissimo feedback, il progetto si è presto trasformato in un business sociale. Al momento Vostel sta avviando una partnership con altre startup berlinesi, come ad esempio Booking.com e Zalando, focalizzandosi sul concetto di corporate social responsabiliy. In questo caso l’obiettivo è di far entrare i dipendenti in contatto con diverse realtà, dando loro la possibilità di dedicare alcune delle loro ore di lavoro ad attività di volontariato. Inoltre, la neo-compagnia sta adesso cercando di espandersi in altre città tedesche, in modo da attivare un maggior numero di volontari.

Emergency shelter for refugees, by Vostel

Emergency shelter for refugees, by Vostel

Share Button