Venditori di bratwurst, sporcizia e carne contaminata

16 October 2012

Share Button

© anmck.wordpress.com

1 euro e 35 spesi… male. Avete mai acquistato un bratwurst dagli uomini monade che, armati di griglia, salse e ombrellino, si aggirano per le vie di Mitte vendendo salsicce con panino a turisti e passanti? Ecco: se la risposta è sì, non leggete il resto dell’articolo.

Durante un’ispezione effettuata presso le sedi delle tre società che gestiscono il servizio a Berlino, infatti, la polizia tedesca ha scoperto una serie di illeciti. In particolare, le scorte di carne non erano refrigerate secondo i parametri di legge e le aree di stoccaggio sono risultate contaminate.

Una situazione che BZ ha definito “semplicemente disgustosa”. I wurst, anziché essere conservati alla temperatura di sette gradi – come previsto dall’Ufficio nazionale dell’Igiene – erano mantenuti ad una temperatura media di 14 gradi, il doppio. Una situazione che favorisce la formazione di batteri e germi pericolosi.

Tra le violazioni riscontrate dagli ispettori anche alcune legate alla pulizia dei supporti utilizzati per cuocere i bratwurst. Sulle griglie sono stati trovati escrementi di uccello, mentre i furgoni – su cui vengono tagliati i panini – sono risultati terribilmente sporchi. Di acqua e sapone, poi, nessuna traccia.

Alcune delle salsicce sono state portate in laboratorio per essere analizzate. Nelle prossime settimane, una volta avuto l’esito degli esami, l’Ufficio distrettuale comunicherà la quantità e l’importo delle ammende. In tutte le aziende coinvolte dall’ispezione – i cui venditori operano solitamente davanti al centro commerciale Alexa, sulla Karl-Marx-Allee, e tra la S-Bahn e la Galeria Kaufhof di Alexanderplatz – sono risultate violazioni delle normative in materia di igiene e ristorazione.

Share Button