Unconventional Berlin Diary: dalla Deutsche Oper al Burgeramt. La tirannia del tempo

25 September 2015

Share Button

Ho ricevuto un biglietto omaggio per la “Turandot“. Lo spettacolo è stasera alla Deutsche Oper e non vedo l’ora. Adoro il Puccini più tetro e la Turandot riesce a coniugare la dolcezza delle arie più note con un impeto orchestrale duro come una grandinata, perfetto per il personaggio dell’inaccessibile principessa che rifiuta ogni uomo tuonando:”mai nessun m’avrà!“.

La prima volta che sono andata all’opera a Berlino davano il “Götterdämmerung” di Wagner alla Philarmonie, cinque ore che hanno stroncato diversi anziani nelle prime due file della platea. Io ero in balconata e potevo vederli dall’alto, mi hanno fatto moltissima tenerezza.
L’ultima volta invece è stato nel 2013, il giorno di capodanno. In quell’occasione Wolfie ed io siamo andate a vedere la “Bohème“. Abbiamo pianto moltissimo sul finale e bevuto del vino bianco. Poi ci siamo rinchiuse in casa e abbiamo cercato di ignorare il mondo più che in ogni altro giorno dell’anno. Abbiamo entrambe la stessa fobia del tempo e rifiutiamo tenacemente tutte le cerimonie sociali che lo scandiscono.

Wolfie mi ha raccontato che anni fa, sempre il trentuno dicembre, chiuse tutte le persiane e spostò tutti gli orologi prima di andare a dormire sperando di confondersi e poi dimenticare. Posso capirla perfettamente, trovo il “pánta rêi” di Eraclito più deprimente della filosofia di Søren Kierkegaard e della vita di Leopardi e non c’è niente che mi ricordi la morte più del movimento, qualunque esso sia, nello spazio, nel tempo, sempre.

Pochi giorni dopo quel concerto di Puccini una persona a me molto cara scoprì di essere molto malata e se ne andò quasi all’improvviso. Probabilmente covava la sua malattia da anni, come una stella che continua a brillare essendosi in realtà già estinta.

Un tempo flirtavo con l’idea dell’imbalsamazione, nel senso che dopo la morte mi sarebbe piaciuto farmi riempire di glicerina, formalina e sali di zinco come Rosalia Lombardo, la mummia più bella della cripta dei cappuccini di Palermo. Credo che anche questo abbia a che fare con il mio orrore per le mutazioni, anche se poi negli anni tendo a trasformarmi come un camaleonte e tutto questo è bizzarro e paradossale. Per esempio qualche giorno fa sono andata al Bürgeramt e mi è successo quello che ormai mi capita sempre, vale a dire ingenerare disagio in chi controlla la mia carta di identità. La foto è stata scattata dieci anni fa, quando avevo ancora i capelli lunghi, un altro viso e un altro stile, in poche parole ero un’altra persona. Questo giugno, in Scozia, ho quasi avuto problemi al banco dell’Immigration. Mi hanno fatto togliere gli occhiali, mi hanno osservata bene e alla fine mi hanno lasciata passare con il mio zaino sdrucito e la maglietta “made in jail” che forse avrei dovuto lasciare a casa. Più o meno la stessa solfa al Bürgeramt, mentre chiedevo un’estensione della mia Gewerbeschein.

Prima o poi cambierò questa benedetta foto e sarà finita, almeno per un po’. Almeno fino a quando il tempo non mi farà sentire di nuovo il suo fiato sul collo.

♠ Colonna sonora: “Where are we now?”– David Bowie♠

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=QWtsV50_-p4]

Lucia Conti

lucoLucia Conti ha collaborato con diverse webzines, curando rubriche di arte, cinema, musica, letteratura e interviste. Per “Il Mitte” ha già intervistato, tra gli altri, due sopravvissuti ad Auschwitz-Birkenau e Buchenwald e ha curato un approfondimento sull’era della DDR, raccogliendo testimonianze di scrittori, giornalisti, operatori radiofonici e musicisti. Ama visitare mostre e chiese in tutta Europa, con una particolare predilezione per Bruegel, Van Gogh e Caravaggio e per l’architettura gotica. Tra i registi apprezza in modo particolare Bergman, Wiene, Kitano, Fellini e Lars von Trier e adora l’ultimo Polanski. Per quanto riguarda la letteratura ha una vera ossessione per Kafka e in particolare per “La metamorfosi”, che ama rileggere a cadenza regolare e che produce su di lei uno stranissimo effetto calmante. Privatamente scrive cose che poi distrugge. Con il nome d’arte di Lucia Rehab è frontwoman della band Betty Poison, di cui a volte ha documentato i tour negli USA, in Europa e in Giappone. Attualmente vive e resiste a Berlino.

Share Button