La RZD annuncia la nuova tratta Berlino-Parigi

13 April 2015

Share Button

di Emanuela Barbiroglio

Mosca, Berlino, la France. E viceversa.

Il prossimo 19 giugno due mondi saranno riavvicinati grazie a un treno della compagnia RŽD (Rossijskie železnye dorogi), le ferrovie statali della Federazione Russa.

La corsa sostituirà quella del treno notturno Berlino-Parigi, cancellato lo scorso dicembre dalla Deutsche Bahn e sarà migliore sotto molti aspetti.

A dare la notizia il sito Europe by Rail, di Susanne Kries e Nicky Gardner, che insieme hanno fondato Hidden Europe e realizzato la “Guida definitiva per viaggiatori indipendenti”.

Il treno viaggerà tutta l’estate e partirà alle 20:01 da Berlin Hauptbahnhof per giungere la mattina dopo alle 9:16 alla Gare de l’Est della capitale francese. Nel percorso inverso, lascerà la stazione alle 20:05 e arriverà alle 9:11 del mattino successivo.
Attraverserà il confine a Forbach, anziché a Kehl, e farà tappa anche a Berlin Lichtenberg e nelle principali città, da Francoforte a Karlsruhe, a Strasburgo.
Naturalmente la tratta non è che una parte di quella più lunga proveniente da Mosca: passando per Frankfurt Oder, ci si potrà spingere fino in Polonia e scendere a Varsavia.

Il biglietto dovrebbe costare 120 Euro, con uno sconto per gli ultra-sessantenni, all’incirca come la più bassa delle tariffe europee.

Raggiungere la Francia sarà dunque più economico, ma anche più bello per chi è suscettibile al fascino del viaggio notturno.
Secondo le autrici della guida, la qualità non ha paragoni: «Dovevi essere un vero sognatore per trovare qualcosa di romantico nel Perseus». Così era chiamato il predecessore tedesco, con il nome di una costellazione come molti altri treni della CNL (City Night Line). Ma, a dispetto del nome, era decisamente poco splendente, tanto da finire sulla loro lista nera.
Il nuovo convoglio russo avrà un eccellente vagone ristorante e le migliori cuccette di tutta Europa.

L’unico difetto? Non viaggerà tutte le notti, ma soltanto da venerdì a domenica. Almeno finché la compagnia non si sarà assicurata una clientela abituale, come Susanne Kries e Nicky Gardner auspicano.
Del resto, i passeggeri delle linee ferroviarie non vengono toccati dall’embargo e dalle sanzioni economiche contro la Federazione Russa.

Se vi è venuta voglia di vedere Parigi, dalla terza settimana di aprile potrete prenotare i vostri biglietti.

Share Button