Tag des Sieges: il giorno della vittoria al memoriale di Treptower Park

9 May 2015

Share Button

di Giulia Renard

Ieri, 8 maggio 2015, è stato il settantesimo anniversario della resa incondizionata della Germania nazista.

La notte tra l’8 e il 9 maggio è il momento ufficiale della capitolazione, firmata nel quartier generale dell’Armata Rossa di Karlshorst (attualmente è un museo che consiglio a tutti, il Deutsch Russisch Museum a Lichtenberg).

Oggi è un giorno altrettanto importante per l’Europa.

Credo che tutti abbiamo in mente l’immagine del soldato che issa la bandiera russa in cima al Reichstag.

Dal 1995 avviene una commemorazione annuale ogni 9 maggio, al memoriale russo (Sowjetisches Ehrenmal) di Treptower Park, al fine di ricordare i caduti sovietici per la libertà. E’ organizzata dalla coalizione antifascista “Bund der Antifaschisten Treptow e.V.“. Bello che tutte le associazioni tedesche di questo tipo si uniscano ai festeggiamenti russi, in rappresentanza di quei tedeschi che si opposero alla loro patria in un momento drammatico come quello citato. L’evento viene appunto anche chiamato “Giorno della Libertà”, “Giorno della Vittoria” (Tag des Sieges), giorno festivo russo. Corrisponde anche alla liberazione del resto del mondo che aveva combattuto contro il nazismo, compresi alcuni tedeschi stessi, perseguitati o internati nei campi. Il mondo vuole ricordarlo annualmente per non ricadere in errori di quella portata, e neanche minori. Qui a Berlino, specialmente, lo spettro dell’ultima guerra mondiale attraversa ancora ogni parete come un monito.

Personalmente non sono per le glorificazioni legate alle guerre, ma sono comunque per la liberazione da dittature di tutti i colori e quindi festeggio la fine dei conflitti. Quelle sì, sempre, ovunque.

Evgenij-Chaldej-1728x800_c

© Photo by Evgenij Chaldej

Buona occasione, inoltre, per visitare il Memoriale Sovietico del Treptower Park nel suo giorno speciale, con tanto di festa popolare a fianco, da raggiungere magari con una bella pedalata in bicicletta nel verde e nel blu dello Spree.

I poster con scritte cirilliche in giro per la città invitano al festeggiamento popolare, a brindare a suon di vodke, a riunirsi. Berlino è ormai “multikulti” e multicolore sarà la festa, con musiche folkloristiche “rutene”, danze e da mangiare fragranti pel’meni e blinis, cipolle e cetrioli in agrodolce. Il tutto accompagnato da banchetti con antiche riviste, libri e giornali. Non mancherà lo storytelling da palco, con affascinanti racconti legati a quei momenti storici.

Spesso si uniscono sul palco gruppi di polacchi che avevano partecipato ai combattimenti, che portano grandi emozioni tra i denti.

Si dice che i motociclisti ultranazionalisti russi che cercano di giungere ogni anno alle porte di Berlino siano stati bloccati in questi giorni nelle tappe in Ucraina. Vedremo.

Raggiunto il monumento ai caduti (tra i quali molti contadini, soldati improvvisati o più che bambini…) vi apparirà dinnanzi una costruzione monolitica già voluta da Stalin, impressionante per la sua imponenza. Si dice costruita con i marmi della Cancelleria di Hitler. Lo scenario epico rappresenta l’Armata Rossa, con tanto di vele gonfiate e personaggi colossali, che vi riporterà ai significati psichici dell’essere umano, celati nelle rappresentazioni artistiche. Sullo sfondo, il cimitero abbracciato da salici piangenti suggerirà un tono allegro ma raccolto, con cui “sostenere” la bevuta in stile russo.

Motto della giornata ”Wer nicht feiern, hat verloren!” ossia “chi non festeggia, ha perso!” con benestare della città, capitale di un mondo tedesco moderno.

Per chi volesse continuare a commemorare col giusto tono la fine della seconda guerra mondiale, oltre agli altri spot e luoghi russi della città, suggeriamo l’interessante programmazione a tema del cinema Babylon di oggi:

18:00 „Wollt ihr den totalen Krieg?“ : Joe Polowsky. Ein amerikanischer Träumer (D 1986, R: Wolfgang Pfeifer, 83 min mit Regisseur)   TICKETS-ONLINE

18:00 „Wollt ihr den totalen Krieg?“ : Iwans Kindheit (SU 1962, R: Andrej Tarkowski mit Kolja Burljajew, Walentin Subkow, Jewgeni Sharikow, Sergej Krylow, 95 min., digital, DF)   TICKETS-ONLINE

19:45 „Wollt ihr den totalen Krieg?“ : Karbid und Sauerampfer (digital, 85 min.)   TICKETS-ONLINE

20:00 „Wollt ihr den totalen Krieg?“ : Ich war neunzehn  (DEFA 1967, R: Konrad Wolf mit Jaecki Schwarz, Wassili Liwanow, Alexej Ejboshenko, Galina Plskich, Jenny Gröllmann, digital, 119 min) TICKETS-ONLINE

20:30 „Wollt ihr den totalen Krieg?“ : First Squad (JP/RU 2009, R: Yoshiharu Ashino, 60 min, Anime, OmU)    TICKETS-ONLINE


21:30 „Wollt ihr den totalen Krieg?“ : Die Kraniche ziehen (DF, digital, 95 min.) TICKETS-ONLINE

Maggiori info:  http://www.babylonberlin.de/wolltihrdentotalenkrieg.htm 

Share Button