Rapaci Tra la Folla: la nuova rubrica di “poesia berlinese” de Il Mitte

27 May 2015

Share Button

Un poeta, un giovane poeta, un lucido interprete della società disorientata di oggi: questo è Cristian Luca Andrulli. Il suo è un non riconoscersi in questo mondo, un modo di porsi sfacciatamente e ossessivamente riluttante. Non ha certezze, non ha idoli da soddisfare: ha il suo IO ribelle e arso da mille puri pensieri.

(dalla prefazione di Eustachio Andrulli e Grazia Maremonti)

“Rapaci tra la folla”, è la mia prima rubrica di poesia urbana, che analizza la città di Berlino con uno sguardo metropolitano. Inizia un viaggio a puntate che si rivolge soprattutto agli artisti, ai cittadini dei vari quartieri di Berlino, agli individui che vivono e interagiscono in spazi creativi urbani. Ogni mese vorrei selezionare una poesia con cadenze e ritmi stilistici contemporanei – berlinesi. La prima poesia ha inizio con Cristian, l’autore, uno dei tanti invidividui che vive a Berlino. “Rosenthaler Platz”, è un testo scritto due anni fa che descrive uno stato d’animo frutto della vita vissuta in quel quartiere.

“Rapaci tra la folla”, nasce dall’idea che comunemente abbiamo quando ci trasferiamo in una metropoli: l’individuo e la società spesso in contrasto, l’individuo e le folle, l’individuo e il suo forte senso di responsabilità per riuscire a sbarcare il lunario. “I corvi” spesso ti guardano con sospetto come gli individui che albergano nei tessuti metropolitani. La scena artistica urbana berlinese è caratterizzata da numerose performance. La sperimentazione si rapporta a quello che poi è diventato lo stile di vita di ognuno che cerca un soggetto. Individui che cercano di esprimersi in un contesto fortemente condizionato dagli eventi e dal mondo artistico.

Sono io il protagonista di “Rosenthaler Platz”, che chissà forse per qualcuno di voi è uno dei tanti quartieri di Berlino per altri invece è l’irrazionale treno dell’evasione. “Rapaci tra la folla”, pone in evidenza l’individuo, la società e la metropoli, temi rivisitati in chiave poetica.

Appuntamento con i lettori il secondo mercoledí di ogni mese per scoprire nella poesia una nuova esperienza di vita berlinese.

 

Berlino, “Rosenthaler Platz”

Incapace di desistere dipingendo il sole;

pesanti risvegli in paradisi virtuali

passano ravvicinati…

Vicini, troppo vicini per ragioni di orgoglio,

disperdono le loro conclusioni;

pelle di avorio:

“Rosenthaler Platz”.

Tram a folle, biciclette senza pedali.

Ho scoperto il Vietnam; inconfondibile

si stende tra i tavolini di quel bar dal

nome celeste.

E’ il: “Sankt Oberholz”.

Poeti di strada, un soffio li chiama;

quaderni di agosto svolazzano tra il

ritmo del traffico bloccato.

Ritornano in quel bar di

“Rosenthaler Platz”

Cris 5Cristian Luca Andrulli è nato a Roma il 12 agosto del 1982 e attualmente svolge l’attività di artista e poeta. Ha conseguito la laurea in Scienze e Tecnologie della Comunicazione a Roma per poi specializzarsi in Mediazione Socio – Culturale con una predilezione per la cultura ispanica. La sua prima pubblicazione risale al 2005, con una poesia: “Finestre”, inserita in una raccolta antologica “Habere Artem vol. IX” per la casa editrice Aletti Editore. Nel 2010 realizza per il portale d’informazione vogliosapere (Il Sapere e’ Per tutti), una rubrica dal titolo: “Scorci di vita”. Nel 2012 pubblica autofinanziandosi la sua prima silloge: “Rosso deserto”, Gruppo Albatros Il Filo S.r.l., Roma, presentato durante gli Open Mic che si svolgevano presso: “Mondo Libro” (Libreria italiana a Berlino). Alcuni suoi testi tratti dalla sua prima silloge “Rosso deserto” vengono pubblicati anche nel portale d’informazione colorivivacimagazine. Roma, Madrid, Berlino sono città da cui prende spunto gran parte della sua attività artistica.  *

Per quanti volessero contattarmi e mandarmi dei versi sulla città di Berlino e sui suoi quartieri:

Cristian Luca Andrulli

[email protected]

Share Button