Progetto Artemisa: facciamo rete per sostenere i disabili a Berlino

26 November 2015

Share Button
cropped-amelia-e-lia

© Amelia Massetti / Artemisia Projekt

di Mattia Grigolo

Amelia Massetti, ideatrice e promotrice del Progetto Artemisa, si è trasferita a Berlino nel 1988 dove – qualche mese prima della caduta del Muro – ha concepito la sua bambina, Lia Nadine, affetta dalla Sindrome di Down. Da quel momento il suo percorso di vita si è capovolto, è cambiato drasticamente. Sempre stata molto attiva nel sociale, prima di trasferirsi a Berlino ha lavorato per il teatro ed è stata membro del collettivo Arci Donne Nazionale. Ad oggi Lia Nadine lavora come artista al Theater Thikwa di Berlino.

Inizia in questo modo il comunicato stampa che ci invia qualche giorno fa:

“Qualche giorno dopo la nascita della sua primogenita, Amelia sentì chiedersi se intendesse portare a casa con sé la neonata, oppure lasciarla in ospedale: la piccola Lia era una persona Down.  Lo sconcerto di Amelia di fronte alla crudezza di questa domanda fu l’inizio di un’educazione vissuta come sfida: una sfida ai pregiudizi comuni, a istituzioni che spesso sembravano ostacolare più che aiutare, a un modo di intendere la disabilità, da parte della società tedesca,  al quale il pensiero dell’inclusione è stato a lungo estraneo. Ai suggerimenti di tornare con la bambina in Italia, Amelia ha risposto con la caparbia intenzione di restare. A distanza di oltre 25 anni, il suo lavoro a fianco di Lia ha conseguito risultati importanti.”

Artemisa è  un progetto che si propone di far rete tra i genitori con radici culturali italiane che crescono in Germania bambini e giovani disabili. Un’iniziativa importante e di grande coraggio, quella stessa forza che ci vuole per accettare le menomazioni e lottare perché queste persone trovino il loro spazio nel mondo e nella vita.

Amelia ci racconta che a Berlino e in tutta la Germania esistono strutture ed iniziative di sostegno pubbliche e private, ma che Artemisa può avere un ruolo importante, un valore aggiunto che sta nella lingua italiana e nel fare gruppo.

Il 7 dicembre 2015 Amelia sarà ospite del gruppo italiano di ANE per presentare per la prima volta Artemisia alla comunità berlinese di lingua italiana. Accanto a lei interverrà l’associazione Rete Donne Berlino, che ne sostiene attivamente l’impegno.

Un gesto importante che va sostenuto, sono queste le cose che rendono speciali una comunità, un gruppo, una famiglia. Noi de Il Mitte diamo tutto il nostro supporto. Crediamo dovreste farlo anche voi.

Il blog di Artemisia Projekt

Quando: 7 dicembre 2015, ore 19.00

Dove: ANE- Arbeitskreis Neue Erziehung, Hasenheide 54, 10967 Berlin, secondo cortile,

secondo piano a destra

Come: U 7, Südstern

Share Button