1961: l’NSA sapeva del Muro, ma non avvertì il presidente Kennedy

27 September 2013

Share Button

Bau der Mauer

Si narra che quel giorno, il giorno in cui la DDR cominciò la costruzione della barriera che avrebbe diviso Berlino per trent’anni, John Fitzgerald Kennedy andò su tutte le furie.

Il 13 agosto 1961 l’allora presidente americano in carica scoprì, contemporaneamente ai berlinesi e al resto del mondo, quale fosse il piano segreto del governo della Germania Est: costruire un Muro attraverso il centro della capitale tedesca.

Di quel progetto, tuttavia, non tutti gli americani erano all’oscuro. Secondo quanto rivelano alcuni documenti dell’epoca resi pubblici nei giorni scorsi a Washington, infatti, la US National Security Administration (NSA) aveva saputo quanto sarebbe accaduto con qualche giorno d’anticipo.

* leggi anche: Il giorno in cui Berlino si svegliò divisa dal Muro *

Il 9 agosto 1961, quattro giorni prima della fatidica data, le talpe NSA all’interno della SED (Sozialistische Einheitspartei Deutschlands, il partito di governo in carica nella DDR) vennero a conoscenza dell’intenzione di chiudere il confine tra Est e Ovest.

La notizia, però, non fu trasmessa al Presidente Kennedy, che il 13 agosto – colto di sorpresa dall’azione della DDR – chiese alla CIA l’apertura di un’indagine per capire l’origine di una falla così grande nel sistema di intelligence americano.

Forse qualcuno tenne nascosto volontariamente il progetto nemico? Oppure si trattò di un errore di valutazione? Di certo, scelte diverse avrebbero potuto cambiare per sempre il corso della storia.

* leggi anche: 25 anni dopo, Berlino ricostruirà un Muro (di palloncini luminosi) *

Share Button