Noi i ragazzi delle startup di Berlino (facciamo crowdfunding)

26 March 2013

Share Button
startupkids

Un fotogramma del film “The startup kids”

di Giuseppe Colucci (Ploonge)

Oramai non è più possibile immaginare Berlino senza le sue startup. Far parte di questo magico mondo di aziende appena nate, che camminano come un equilibrista su un filo sottilissimo tra due grattacieli, non è soltanto una questione di status symbol ma una vera e propria ancora di salvezza per chiunque arrivi nella capitale tedesca con mille speranze di un futuro migliore. Certo, poi spesso si finisce a fare customer service per prodotti di cui, da qui a un anno o due, nessuno ricorderà più il nome. Ma intanto, tra numerose delusioni professionali che uno accumula nel momento in cui si confronta con la realtà della sua vita da expat, questo resta uno dei mercati relativamente più floridi in circolazione.

Certo, intorno al fenomeno si è creato un grosso, grossissimo hype. Seguendo un po’ il mito del sogno americano, a Berlino – così come oltreoceano – coloro che ce l’hanno fatta sono diventati un po’ dei miti, degli esempi da seguire, dei personaggi da cui si vorrebbe succhiare il nettare della conoscenza. A Berlino chiunque vorrebbe essere uno startupper di successo.

Nonostante questa premessa un po’ disincantata, però, bisogna dire che esiste una forte empatia, sana competizione, ma soprattutto molta voglia di condivisione di esperienze tra coloro che appartengono al sottobosco della scena tech cittadina. Ci sentiamo un po’ tutti invincibili (a giorni alterni), esemplari unici di una specie pregiata, tanti piccoli Davide contro i grandi Golia delle aziende che ce l’hanno fatta e che spesso sono i nostri competitors sul mercato. Ci sentiamo tutti sulla stessa barca, dove ogni sera c’è una festa, con vino a fiumi a musica tutta la notte. Siamo invasi da eventi e get together, networking breakfast, lunch, dinner. Più o meno interessanti, più o meno utili al nostro business.

startupkids2

Un fotogramma del film “The startup kids”

Eccone un altro, un po’ diverso dagli altri. Ploonge – piattaforma di online ticketing con caratteristiche di un social network – e Rally.org – portale di crowdfunding online – hanno unito le loro forze per creare quello che, nelle intenzioni degli organizzatori, vuol essere un appuntamento cult nel panorama degli eventi tech del prossimo mese a Berlino. Il 20 aprile, infatti, al RallyPad (Markgrafenstr. 12-14) ci sarà una visione collettiva del film-documentario “The Startup Kids”. I ragazzi delle startup di Berlino che guardano, fianco a fianco, un documentario sui loro fratelli maggiori (spesso solo in termini di esperienza, non di età), su chi è riuscito a creare prodotti, cominciando da zero, come loro, che hanno sbancato sui mercati di tutto il mondo: i vari Dropbox, Vimeo, la berlinese SoundCloud, e altri. L’intenzione è proprio quella di creare, attorno a questa visione collettiva, un sentimento di empatia tra i partecipanti, non per alimentare sogni ma per promuovere uno scambio costruttivo.

Per fare in modo che questo accada, però, Ploonge e Rally.org hanno lanciato una campagna di crowdfunding per raccogliere i 600 euro necessari ad acquistare i diritti del film. Con una piccola donazione, startupper o curiosi possono contribuire, infatti, a far sì che la prima visione pubblica del film, a Berlino, effettivamente prenda corpo. Danilo Sierra di Rally.org e il sottoscritto, si sono impegnati in questi giorni a produrre un gran passaparola, con raccolte fondi offline improvvisate, annunci in tv show e un po’ di copertura mediatica, che non guasta.

Se la somma prefissata sarà raggiunta, inoltre, coloro che hanno donato potranno vincere alcuni premi, tra cui una membership mensile per lo spazio co-working di Rally.org e free photo shooting professionali. Prima della visione ci sarà un intervento via Skype delle due registe islandesi Sesselja Vilhjalmsdottir e Vala Halldorsdottir. E poi ci sarà da mangiare, con le specialità della chef franco-giapponese Gourmie, birre a prezzi più che popolari e la possibilità di utilizzare l’enorme spazio della terrazza del RallyPad, affacciata su Friedrichstrasse. Insomma, un ottimo mix a cui manca soltanto l’aiuto di coloro che vogliono parteciparvi.

Per donare online, anche somme simboliche, è possibile farlo tramite carta di credito qui: https://rally.org/berlinstartupkids

Per registrarsi all’evento (i posti sono limitati!) e unirsi ai 97 già registrati, cliccate qui: https://www.ploonge.com/beta/meals/the-startup-kids-screening-food

Share Button