Melvins al Postbahnhof: recensione

17 June 2016

Share Button
Photo by Cesare Zomparelli

Photo by Cesare Zomparelli

Prima di iniziare a raccontare il live dei Melvins a Berlino, al Postbahnhof, proverò a partire da un paio di considerazioni numeriche.
Pensierino numero uno. Prendendo per buono il 1983 come anno di inizio dell’attività della band, il calcolo matematico recita: trentatrè anni. In buona sostanza, i Melvins sono insieme da più del triplo di quello che è considerato il ciclo vitale dei Beatles.
Pensierino numero due. Fare ordine nella sterminata discografia dei nostri è un esercizio da mal di testa. Wikipedia, ad esempio, cita: 21 album in studio, 7 album dal vivo, 6 ep, 47 singoli. Senza contare le apparizioni in compilation di materiale oscuro e raro, i progetti paralleli e chissà quanto altro ancora.
I numeri da soli non spiegano tutto, ma aiutano a farsi un’idea. A chi non conosce i Melvins viene spesso raccontato (per facilitare le cose) che erano la band preferita di Kurt Cobain. Che i Nirvana, all’apice del proprio splendore, se li portarono in tour in Europa nell’inverno del 1994.
In trentatrè anni di dischi più o meno rumorosi, più o meno radicali, più o meno “capolavori”, i Melvins hanno raggiunto lo status di band di culto. Fanno parte del laicissimo pantheon delle band rimaste in seconda fila a guardare altri raccogliere i frutti del proprio duro lavoro. Degli outsider a cui però il tempo, ogni tanto galantuomo, ha saputo restituire quanto dovuto.
Se volete provare a capire meglio i personaggi (o quantomeno il nucleo storico King Buzzo e Dale Crover) potete guardarvi questo video. Due bambine intervistano i Melvins, circa sette minuti di surreale e tenera innocenza.

Photo by Cesare Zomparelli

Photo by Cesare Zomparelli

Photo by Cesare Zomparelli

Photo by Cesare Zomparelli

Ma andiamo al sodo, cioè al concerto di lunedì sera. Arrivo al Postbahnhof con discreto anticipo, giusto in tempo per dare un’occhiata alla fauna che inizia a confluire all’interno del locale: tantissime magliette dei Motorhead, Black Flag, EyeHateGod. In realtà, visto che ogni tanto l’abito fa davvero il monaco, la platea è equamente divisa tra punker della prima ora e metallari di varia estrazione. Età media fisiologicamente alta, più sbilanciata verso gli “anta” che gli “enta” (ma con alcuni ventenni che mi hanno fatto traboccare il cuore di gioia).
I Melvins salgono sul palco alle 20.40 con outfit a dir poco irriverente. Il nuovo bassista reclutato per il tour di presentazione del nuovo “Basses Loaded”, Steven Shane McDonald, indossa scarpine brillantate d’oro (?!) e una maglietta nera con scritta BASS, con la doppia esse dei Kiss. King Buzzo sfoggia l’occhio di Dio e la sua solita capigliatura (davvero, riuscite ad immaginare qualcosa di più iconico di quella chioma?).
Il live è una bomba a mano, tocca rispolverare la tanto abusata metafora della macchina da guerra. Pose plastiche da hard-rocker cafoni, alla Alice Cooper e, appunto, Kiss, un teatrino kitsch al punto che il labile confine tra provocazione e omaggio alla Storia del rock svanisce nel giro di cinque minuti. I Melvins sono una band antistorica e totalmente fuori dagli schemi: propongono un set decisamente più spinto verso l’hard-rock, dimostrando ancora una volta di aver filtrato e processato le lezioni di dinosauri del rock da stadio in una prospettiva molto più personale, asciutta e fangosa.
Ma è quando i ritmi rallentano che i Melvins dimostrano di essere i veri capostipiti di buona parte della musica pesante attuale. Non a caso il live inizia con Eyes Flys, direttamente dal primo disco in studio della band, “Gluey Porch Treatments”. Un’autentica palude di distorsioni e suoni melmosi (poi uno si chiede perché i Nirvana di “Bleach” suonavano così lenti, o da dove arrivano le ritmiche granitiche dei Soundgarden…).
Un’ora e venti di musica. Senza pause e senza bis, senza tirare il fiato. Fino a Night Goat, chiosa obbligata con un pezzo di “Houdini”, uno dei dischi dell’epoca “mainstream” dei Melvins, quando il successo dei Nirvana obbligò il mondo intero a gettare lo sguardo oltre il fuoco fatuo per capire le radici di quella piccola rivoluzione. Ecco: se ancora non conoscete i Melvins, o se siete semplicemente curiosi, recuperate quel disco. Partite da lì e inizierete a voler ascoltare tutto. Band così arrivano ogni trent’anni. Per l’appunto.

Photo by Cesare Zomparelli

Photo by Cesare Zomparelli

Photo by Cesare Zomparelli

Photo by Cesare Zomparelli

Photo by Cesare Zomparelli

Photo by Cesare Zomparelli

Photo by Cesare Zomparelli

Photo by Cesare Zomparelli

Share Button