Jut, il meteo spiegato con i proverbi tedeschi

1 October 2015

Share Button
10511082_10152549557934859_5691114454788922603_n

© Mattia Grigolo

L’autunno è ormai ufficialmente arrivato e tocca rassegnarci al grande freddo in arrivo. Qualche giorno fa, forse per questa inconscia condivisione, un’amica mi ha riferito un proverbio che non avevo mai sentito – Späte Rosen im Garten lassen den Winter noch warten – con la segreta speranza che le ultime  rose in giardino possano ritardare l’arrivo della temuta stagione invernale.

A tutte le latitudini la speranza è sempre l’ultima a morire – Die Hoffnung stirbt immer als letztes. Ma ormai è autunno e non solo sul calendario, infatti Wer klug ist, reist im Herbst niemals leichtbekleidet – In autunno chi è esperto non viaggia mai scoperto.

In questo periodo potete dimenticarvi delle App-Meteo, guardate piuttosto il cielo e divertitevi a fare un pò come Frate Indovino:
Temporali nel tempo di luna piena, annunciano la pioggia lungo e in largo – Gewitter in der Vollmondzeit, verkünden Regen weit und breit.
Wind in der Nacht – am Tage Wasser macht – Vento di notte, porta pioggia di giorno.
Per finire con questo detto, dal tono alla Nostradamus: Bei rotem Mond und hellen Sterne, sind Gewitter gar nicht ferne – Con la luna rossa e le stelle luminose, i temporali non sono lontani.

Fate attenzione anche alla pioggia perché vom Regen in die Traufe kommen significa cadere dalla padella alla brace.
Auguriamoci inoltre l’arrivo del vento del Nord, che secondo la tradizione contadina porta tempo stabile Der Nordwind ist ein rauher Vetter, doch er bringt beständig’s Wetter  (tradotto letteralmente: Il vento del nord è un cugino più ruvido, ma porta tempo stabile).

Ad un acuto osservatore come Oscar Wilde non era sfuggito che quando si parla del tempo non ci si riferisce solo a questioni metereologiche, anzi, a volte lo si usa come pretesto per intendere qualcos’altro: Wenn die Leute mit mir über das Wetter reden, bin ich mir stets sicher, daß sie etwas ganz anderes meinen.

Infatti più di un proverbio recita: Das Wetter erkennt man am Winde, wie den Herrn am Gesinde – Il tempo si riconsce dal vento, come il signore dai suoi servitori e Stilles Wasser bricht die Brücken – Acqua cheta rompe i ponti – e anche Reine Luft fürchtet nicht den Donner – Aria pura non ha paura del tuono.

E come non menzionare il saggio Chi semina vento raccoglie tempesta – Wer Wind sät, wird Sturm ernten.

Perciò quando si parla del tempo tutto è possibile, tranne che piovano soldi – alles ist möglich aber es regnet kein Geld!

sabee lanzSabina Lanzoni: Ancora oggi mia madre ama raccontare che la mia propensione per la lingua tedesca si intuiva già durante le nostre prime vacanze al mare. Pare infatti che, fin da piccola, amassi inventare parole dal suono germanofilo, ma ahimè totalmente incomprensibili anche ai bambini tedeschi della riviera adriatica della metà degli anni ’70. Fortunatamente la maturità linguistica ha supplito tale lacuna e l’estate seguente la caduta del muro ho vissuto il mio primo periodo berlinese. Dagli anni dell’università (Dams, con indirizzo storia del cinema…tedesco, na klar!) ho sempre continuato a frequentare ed amare la città nel suo costante divenire.

Jut, ovvero gut in dialetto berlinese, vuole essere un piccola rubrica per condividere proverbi e modi di dire, nella doppia versione italiano-tedesca, sia per il puro piacere della
conoscenza della lingua e sia per offrire una buona risposta quando serve.
A buon intenditore poche parole… dem Kenner reichen wenige Worte.

Share Button