Ennesimo grattacielo in arrivo, il primo misto di appartamenti e uffici

8 September 2015

Share Button
© BIG – Bjarke Ingels Group

© BIG – Bjarke Ingels Group

Bannerino_FrancoforteFrancoforte – Avvicinandosi alla città si è completamente circondati da una fitta vegetazione. Nei punti in cui la natura lascia spazio al cielo, gli alti edifici della metropoli diventano visibili anche da grandi distanze.

Prossimamente un altro elemento sorgerà nel distretto finanziario tra la Commerzbank e la Japan Turm, aumentando ulteriormente l’altezza media degli immobili e rendendoli così ancora più visibili.

Lo studio di architettura Danese BIG si è sempre contraddistinto per l’originalità di forme e concetti presenti nei suoi progetti. Anche in questo caso non deludono. Propongono una soluzione progettuale in grado di spezzare la monotonia geometrica presente in quasi tutti i grattacieli francofortesi. Il centro città è definito da BIG come un cluster di vibranti strutture alte e basse. La frammentazione di spazio e volume è reinterpretata e mostrata nello sviluppo verticale del grattacielo.

© BIG – Bjarke Ingels Group

© BIG – Bjarke Ingels Group

L’edificio di quarantotto piani sarà un prisma che, nei punti chiave del suo sviluppo verticale, considerandone le funzioni interne e visuali esterne, si “frammenterà”  permettendo la realizzazione di terrazzi verdi. Alcuni piani si spostano rispetto all’asse centrale e così consentirà di godere al meglio dello spazio e delle viste uniche che solo a certe altezze possono essere apprezzate. L’edificio accoglierà al suo interno uffici e residenze, ed è proprio nei punti d’incontro di queste due funzioni che i giochi di forma iniziano.

Una volta ultimato avrà una superficie di 62.000 m2 e dovrebbe raggiungere un’altezza di 185 metri, diventando così il terzo edifico più alto in città.

01 _METZ_Image by BIG - Bjarke Ingels Group_original

© BIG – Bjarke Ingels Group

Il Project leader incaricato dal Bjarke Ingels Group (B.I.G.) di gestire lo sviluppo del progetto è l’architetto Lorenzo Boddi. Un giovane talento tutto italiano che avrà la possibilità di esprimere le sue qualità a Francoforte.

Tishman Speyer, la gigantesca impresa edile con proprietà per oltre settantatré miliardi di dollari, finanzierà interamente il progetto e ha dichiarato il suo intento di costruire un edificio che sia aperto e cordiale. Il grattacielo, infatti, non sfrutterà interamente il lotto a sua disposizione ma ne occuperà solo un terzo. I due terzi rimanenti diventeranno una piazza con alberi e spazi ricreativi. Pare che sarà interamente dedicata a uso pubblico.

In questo progetto sono presenti tutti i presupposti per la realizzazione di un edificio che possa, almeno parzialmente, coprire i gravi danni urbanistici che si stanno compiendo negli ultimi anni a Francoforte. Sicuramente sarà un progetto interessante. Non ci resta altro che aspettare qualche anno per la sua ultimazione, nel frattempo possiamo goderci i render fotorealistici realizzati da BIG.

[Stefano Brambilla]

P.S. Se questo articolo ti è piaciuto, segui Il Mitte Francoforte su Facebook!

Share Button