Fassbinder, una mostra celebra il regista che raccontò la Germania

30 October 2013

Share Button
Una scena di “Berlin Alexanderplatz”

Una scena di “Berlin Alexanderplatz”

Francoforte – Al via oggi, mercoledì 30 ottobre, la mostra dedicata al regista, drammaturgo e attore tedesco Rainer Werner Fassbinder. Intitolata Fassbinder JETZT, la mostra si occuperà di presentare il celebre regista morto nel 1982 per un’overdose, a soli 37 anni. Sebbene bavarese, Fassbinder intrattenne nella sua carriera uno stretto rapporto con Francoforte.

Nel 1974 assunse la direzione del defunto TAT – Theater am Turm e per l’ensamble scrisse una delle sue opere più note e contestate: Der Müll, die Stadt und der Tod. Lo spettacolo ricevette dure critiche e venne accusato di antisemitismo a causa della presenza di un banchiere ebreo tra i personaggi.

Colpevole di propagare il pregiudizio contro gli ebrei, nel 1985, quando venne programmata una tournée, la prima allo Schauspiel di Francoforte venne interrotta dalle proteste. Fassbinder stesso non riuscì mai a portare in scena la sua opera. La prima ufficiale si ebbe solo nel 1987 a New York. Nonostante questo, paradossalmente, lo spettacolo venne invece messo in scena in Israele nel 1999 senza alcun disordine.

Cinematograficamente viene ricordato per Berlin Alexanderplatz, una serie televisiva tratta dall’omonimo romanzo di Alfred Döblin. Tra i lungometraggi più noti Effi Brest e Martha entrambi del 1994 e in gara rispettivamente ai festival internazionali di Berlino e di Cannes. Ma è con Sunset Bulevard che vincerà l’Orso d’Oro proprio nell’anno della sua morte.

La mostra permetterà di vedere spezzoni delle sue opere per un totale di oltre 60 minuti di girato. Attraverso una selezione attenta evidenzierà le tematiche e l’estetica di questo regista culto che purtroppo è rimasto poco conosciuto al pubblico italiano. Accanto a questa selezione saranno anche esposte opere di artisti video contemporanei i quali elaboreranno l’opera di Fassbinder dandole un seguito. Inoltre interviste, appunti, manoscritti, lettere fornite dalla Rainer Werner Fassbinder Foundation.

La mostra sarà visitabile fino al 1 giugno e ovviamente durante questi mesi i film di Fassbinder verranno riproposti tra le innumerevoli proiezioni che il Deutsches Filminstitut offre ogni giorno. Si comincia con Welt am Draht il 2 novembre alle 19.30.

(ale.gra)

Share Button