Home » Archives by category » Rubriche » Povera ma sexy

Povera ma sexy: Sulle scale di Rio de Janeiro

Povera ma sexy: Sulle scale di Rio de Janeiro

di Nora Cavaccini* Non molto tempo fa viveva qui un artista del quale si diceva che era un po’ matto. Vestiva sempre di rosso e aveva due baffi lunghi fino al mento. Un giorno ebbe l’idea di costruire un piccolo mosaico sui gradini di una scala davanti la sua casa, utilizzando pezzi di piastrelle che […]

Povera ma sexy: Stattbad Wedding

Povera ma sexy: Stattbad Wedding

* di Nora Cavaccini Quando lei mi dice che le manca quel posto, penso che la stessa cosa vale per me. Del resto, era surreale. Tutti aggrappati al suolo come capretti, sul pendio della vasca di un’ex piscina comunale, con il dj proprio là, dove un tempo l’acqua era un più fonda e ci si […]

Povera ma sexy. 90: la paura

Povera ma sexy. 90: la paura

* di Nora Cavaccini E poi una sera si sente ancora più freddo di così. Che non è solo l’aria dell’inverno che avanza ma qualcosa dentro, che si è ghiacciata d’un tratto e con essa le parole, strozzate in gola peggio di sassi. La città stessa è ammutolita; ci si risveglia nell’afasia. Alle 8 e […]

Povera ma sexy: L’uomo del semaforo

Povera ma sexy: L’uomo del semaforo

    * di Nora Cavaccini Sono morto senza che nessuno, in questa città, si ricordasse il mio nome. Ancora oggi mi chiamano semplicemente l’uomo del semaforo. Come se alla fine fossi proprio io quello là con il cappello a falda tesa, verde quando è in procinto di attraversare la strada e rosso quando invece […]

Povera ma Sexy: Gotham City

Povera ma Sexy: Gotham City

di Nora Cavaccini Quando sono venuta qui per la prima volta era il 1998. Potsdamer Platz non esisteva ancora ed era invece un grosso cantiere, che si estendeva fin dove arrivava l’occhio, con tante gru e un palco dove salire, per guardare meglio. Cosa poi? La città che si trasformava. Allora ero in visita con […]

Povera ma sexy: Dalla Cina con furore

Povera ma sexy: Dalla Cina con furore

di Nora Cavaccini Sono stata in Cina e il cielo era grigio anche lì, ma in modo diverso da quello di Berlino: pollution, la chiamano. È l’inquinamento, che si appiccica addosso veicolato da una pioggerella fine come il gambo di una cipolla, mentre i suoi fumi si mescolano a un odore forte e animale, a […]

Povera ma sexy: cabina elettorale

Povera ma sexy: cabina elettorale

di Nora Cavaccini* All’uscita del supermercato Rewe regalano fiori. Una vivace signora, paonazza in viso, chiede se si desidera ricevere una rosa insieme a qualche informazione su un partito politico. È tempo di elezioni, infatti, e domani si vota. Da quando ne ho memoria, ho cercato di esercitare questo diritto anche quando la tentazione era […]

Povera ma sexy: qui non è il Berghain

Povera ma sexy: qui non è il Berghain

di Nora Cavaccini* Si sono messi in fila, uno dietro l’altro, aspettando il turno prima di iniziare a salire la rampa di ferro, scalino dopo scalino. Sono ciccioni, sono mezzi nudi, le pance traboccano chiassose. Uno di loro, là nel mezzo, ha l’alopecia. Lo sguardo è spaurito, perché l’occhio altrui va a cadere in quelle […]

Povera ma sexy-Fusion

Povera ma sexy-Fusion

Il treno ha l’odore tipico di un Intercity, con la moquette un po’ umida imbevuta degli odori altrui. Si allontana da Berlino spingendosi nelle lande verdi del Brandeburgo e quindi lascia tutti in una piccola piazza di Neustrerlitz, un paesino, una frazione come potrebbe essere da noi Campoleone, dove non c’è nulla se non un kebabbaro, […]

Page 1 of 11123Next ›Last »