“The Passenger”: l’inno alla S-Bahn firmato Iggy Pop

25 February 2013

Share Button

I am the passenger 
I stay under glass 
I look through my window so bright 
I see the stars come out tonight 

Un inno alla S-Bahn, un canto glorioso della S1, la linea che era solito prendere per andare fino al Wannsee con l’amico David Bowie. Nuove dichiarazioni, rilasciate dal Die Zeit dall’ex fidanzata Esther Friedman, fanno luce sull’origine di The Passenger, una delle canzoni più famose dell’iguana del rock, Iggy Pop.

Pop, che ha vissuto a Berlino negli anni ’70, amava trascorrere lunghe serate sulla riva del lago situato tra Berlino e Potsdam, da solo o in compagnia. Da Hauptstrasse, dove abitava, saliva a bordo del treno alla vicina stazione di Schöneberg, prendendo la S1 in direzione Wannsee. Un viaggio di circa 25 minuti attraverso la città, che esercitava su di lui un fascino potente.

Al punto da ispirare una canzone poi divenuta immortale: The Passenger, appunto. Inserito nel disco “Lust for life” (1977), il brano è caratterizzato da un riff semplice e orecchiabile – opera del chitarrista di Iggy, Ricky Gardiner – e da un testo altrettanto iconico, che secondo i critici rappresentava alla perfezione lo spirito “nomade” e randagio del punk, in cui si possono ritrovare tracce di alcuni poemi di Jim Morrison.

Nella canzone ci sono anche i cori di Bowie, con il quale Pop condivideva l’appartamento. Della convivenza, il Duca Bianco conserva ricordi divertenti: “Iggy era “troppo” per me”, ha spiegato in un’intervista al Tagesspiegel (che Il Mitte ha tradotto per voi). “Avevamo orari molto contrastanti. Inoltre, Iggy mangiava tutto quello che riusciva a trovare nel frigorifero, una cosa che mi ha sempre fatto molto arrabbiare. Io ero sempre quello che faceva la spesa e lui quello che mangiava tutto”.

Leggi anche: David Bowie torna “a Berlino” con un nuovo singolo

VIDEO:

TESTO:

I am the passenger and I ride and I ride
I ride through the city’s backsides
I see the stars come out of the sky
Yeah, the bright and hollow sky
You know it looks so good tonight

I am the passenger
I stay under glass
I look through my window so bright
I see the stars come out tonight
I see the bright and hollow sky
Over the city’s ripped backsides
And everything looks good tonight
Singing la la la la la…

Get into the car
We’ll be the passenger
We’ll ride through the city tonight
We’ll see the city’s ripped backsides
We’ll see the bright and hollow sky
We’ll see the stars that shine so bright
Stars made for us tonight

Oh, the passenger
How, how he rides
Oh, the passenger
He rides and he rides
He looks through his window
What does he see?
He sees the sign and hollow sky
He sees the stars come out tonight
He sees the city’s ripped backsides
He sees the winding ocean drive
And everything was made for you and me
All of it was made for you and me
‘Cause it just belongs to you and me
So let’s take a ride and see what’s mine
Singing la la la la.. lala la la

Oh the passenger
He rides and he rides
He sees things from under glass
He looks through his window side
He sees the things that he knows are his
He sees the bright and hollow sky
He sees the city sleep at night
He sees the stars are out tonight
And all of it is yours and mine
And all of it is yours and mine
So let’s ride and ride and ride and ride
Oh, oh, Singing la la la la lalalala

Share Button