Berlino, il giovane politico CDU che vuole rivoluzionare l’Hartz IV

9 November 2014

Share Button
© Kai Whittaker 2013 [free press photo]

© Kai Whittaker 2013 [free press photo]

È nato nel 1985, il che fa di lui un under 30, ma il giovane politico della CDU ha già le idee molto chiare.

Kai Whittaker, economista Vice Presidente della CDU Baden-Baden, è il nuovo uomo “Hartz IV”, intenzionato a rivoluzionare il controverso sussidio sociale di disoccupazione.

Come ha riferito la Frankfurter Allgemeine Zeitung, la proposta di Whittaker è parte di un documento di sintesi dal titolo “Politica del mercato del lavoro nel 2020 – Passi per il futuro”. Ma anche la SPD, dopo 10 anni di critiche, sta lavorando a sostanziali modifiche dell’attuale Hartz IV. Ecco i punti salienti del programma, secondo il Ministro Federale del Lavoro Andrea Nahles:

> Meno controlli da parte dell’agente: oggi, i disoccupati a lungo termine devono presentarsi, in media ogni tre mesi, presso il Jobcenter. La relativa frequenza di appuntamenti è determinata individualmente. Per i disoccupati difficilmente collocabili si vorrebbe diminuire il controllo ad (al massimo) una volta l’anno.

> Nessuna sanzione per gli appuntamenti mancati: oggi, coloro che rifiutano un lavoro o non rispettano le scadenze, perdono i soldi del Jobcenter, a volte anche tutti. Nel 2013, a livello nazionale, è stato imposto 1 milione di sanzioni e i più colpiti sono risultati essere i giovani sotto i 25 anni.

> Lavori speciali per casi particolarmente difficili: si stima che siano 300mila i disoccupati di lunga durata impossibili da collocare nel mondo del lavoro e la SPD chiede un mercato del lavoro sociale, dove i disoccupati a lungo termine dovrebbero svolgere solo attività ausiliari.

Share Button