“Un rilevatore antifumo in ogni casa”. Ma chi paga?

13 July 2012

Share Button

Sarà merito della sigaretta abbandonata sul materasso da Jörn Kubicki, il compagno di Klaus Wowereit, poche settimane fa, se ora tutti i politici di Berlino concordano. Dalla Spd alla Cdu, dai Verdi alla Linke, un’unica voce si è levata a sostegno degli allarmi anti-fumo che, secondo i governanti cittadini, andrebbero installati in ogni appartamento.

Sono economici, facili da montare e salvano molte vite: questi i “pro” evidenziati dal Ministro degli Interni Frank Henkel (CDU), autore della proposta in Parlamento. Del resto, a Berlino sono in media trenta le persone che, ogni anno, muoiono a causa degli incendi.

Non è una prima volta: come sottolinea il The Local, già un anno fa una proposta simile era stata bocciata, da un governo più spostato a sinistra. «Se un anno fa la proposta non fu approvata, non è colpa nostra», ha spiegato Udo Wolf della Die Linke. «Ovviamente, proteggere gli abitanti dagli incendi è ancora una priorità». Ora che Henkel ha fatto risorgere l’idea, anche a sinistra sono disposti a collaborare.

Il problema, ora, è capire chi pagherà. L’installazione dei sistemi anti-fumo in un 1.600.000 appartamenti berlinesi costerà infatti circa 300 milioni di euro. Il costo singolo è molto basso – circa 25 euro ad allarme – ma gli impianti andrebbero installati in ogni stanza, in cantina e persino sulle scale per essere davvero efficaci.

Un’idea non condivisa dall’Associazione Immobiliare Berlino-Brandeburgo, secondo cui gli allarmi non sono davvero efficaci: «Questi sistemi non prevengono gli incendi, danno soltanto un finto senso di sicurezza alle persone», ha spiegato David Eberhart, il portavoce.

Share Button