Criminalità a Berlino: secondo il Ministero degli Interni la capitale tedesca è la città più pericolosa della Germania

29 April 2017

Share Button

di Sara Bolognini

Berlino è arrivata ad occupare il primo posto sul podio delle città tedesche più pericolose. Il ministro degli interni Thomas de Maizière ha pubblicato una statistica sulla criminalità nella Repubblica Federale e riportata anche dalla Berliner Zeitung, in base alla quale la capitale presenterebbe il numero più alto di atti criminali, precisamente 16.161 ogni 100.000 abitanti. Questo numero sembra essere leggermente calato rispetto agli scorsi anni, ma resta comunque il più alto delle città tedesche. In questa classifica Lipsia segue Berlino, con 15.671 reati ogni 100.000 abitanti, abbiamo poi Hannover e Brema.
Frankfurt am Main, che occupava la pole position lo scorso anno, è scesa ora alla quarta posizione.

In particolare è il numero di furti ad essere aumentato: con un recente incremento del 1,4 percento ha infatti raggiunto il valore più alto degli ultimi dieci anni. La tendenza, nel resto della Germania, è però contraria. Secondo le autorità questo fenomeno si può spiegare identificando Berlino come città estremamente turistica, dove i ladri trovano bottini facili, soprattutto in luoghi come le stazioni affollate e i quartieri della cosiddetta movida. Oggetti firmati e di marca sembrano essere la preda preferita, ma non solo. Anche il numero di furti di biciclette e auto è aumentato, soprattutto a causa della vicinanza del confine con la Polonia, dove i criminali possono fuggire e farla franca.
Anche i delitti violenti sono aumentati, anche se questa sembra essere una tendenza in tutta la Repubblica federale e non solo nella capitale. Dei 2,02 milioni sospetti su cui si è indagato, 174.000 (quindi circa l’8,6 percento), sembrano essere immigrati. La polizia sottolinea tuttavia che per immigrati in questo caso si intendono persone la cui richiesta di asilo non è stata accettata.

Continuando ad esaminare i numeri della capitale, comunque, si possono trovare anche statistiche positive: i furti in casa sono ad esempio diminuiti del 2,6 percento. Anche i delitti collegati al mondo della droga sembrano essere calati. Ci si chiede, però, se la causa di ciò sia legata al fatto che la polizia berlinese possa essere meno attiva ed efficiente nello scoprire e fornire prove contro i trafficanti, il che annullerebbe il valore positivo di questo specifico rilievo.
Che Berlino abbia raggiunto la prima posizione in questa classifica è comunque un dato sicuramente poco rassicurante e di sicuro si auspica una riflessione seria e concreta da parte del sistema sulle cause e soprattutto sul modo di risolvere il problema.

Share Button