Berlin Street Art Walk#21: le figure mitologiche di Twoone

7 July 2016

Share Button

Twoone. Z.Munizzadi Zuleika Munizza / Berlino Explorer

Andare a caccia di graffiti, stencil o murales è un modo stimolante per scoprire la città, in ogni angolo di Berlino ci si può imbattere in un lavoro mai visto di artisti più o meno conosciuti. Oltre ai punti nevralgici dove si sa per certo che si potranno trovare opere interessanti e sempre diverse, come la Bülowstraße o nel centro culturale RAW, ci sono angoli nascosti che si lasciano scoprire per caso, seguendo l’istinto o spingendo l’occhio curioso oltre la soglia di un cortile.

Il cortile in questione si trova in un edificio sulla Kloster Strasse e al suo interno si svela un’opera firmata TWOONE, artista giapponese il cui lavoro mostra figure quasi mitologiche, creature dal corpo mezzo animale e mezzo umano sviluppate nella serie “Phycological Portrait”. L’artista svela in questo modo la dimensione interiore dei soggetti e la loro personalità universale e senza tempo, in contrasto con la loro immagine superficiale.

Hiroyasu Tsuri, aka TWOONE, nasce a Yokohama. Dopo il trasferimento in Australia, le difficoltà con le differenze culturali e la lingua lo spingono a trovare nell’arte il suo principale mezzo di espressione. Graffiti e murales diventano la sua vita.

Parallelamente alla sua attività di strada si laurea in Visual Arts e New Media, entrando così in contatto con diversi strumenti e materiali con i quali inizia a giocare, sperimentando nuove tecniche per aumentare la loro resistenza. Questo procedimento creativo lo porta a reinventare il suo stile e il modo di creare opere d’arte.

Ottiene il riconoscimento internazionale con il progetto “Metaphysical Landscape” nel quale crea una combinazione unica di elementi derivati dalla natura e forme astratte colorate, caratterizzando lo spazio in un contorto e stilizzato paesaggio che ispira al pubblico storie metafisiche.

L’edificio all’angolo tra Kloster str. e Stralaur str., di per sé anonimo, è decorato sullo zoccolo della facciata dal lavoro di un altro artista, Karl Addison, che con James Bullough forma il famoso un duo americano Jbak. Cento metri di parete d’angolo sono la tela sulla quale le illustrazioni dello street-artist si dispiegano, Addison usa una tecnica simile alla serigrafia nel miscelare i colori e regala a Berlino una lunga fascia con carpe Koi.

Foto e ricerche a cura di: Z.Munizza, responsabile del progetto Berlino Explorer, che organizza esplorazioni urbane e visite guidate e propone, tra i vari itinerari, Street ArTour.

TWOONE – BEASTSCAPE BERLIN 2014
Music by: Stu Campbell x Hiroyasu Tsuri Video By: Stu Campbell, and Kelly Jewell

 

Share Button