Amazon pensa all’acquisto di un aeroporto in Germania

21 April 2016

Share Button

Amazon minimizza, ma sono in molti a ritenere che il leader dell’e-commerce farà partire a breve un piano di consegne ultrarapide, dalla Cina al singolo destinatario.
Al momento la distribuzione è gestita da vettori come UPS e FedEX, ma il fatto che Amazon China sia stato accreditato come spedizioniere marittimo nel 2015, e soprattutto il leasing di 20 aerei cargo negli USA, fanno ritenere che la logistica dell’azienda stia per cambiare in modo radicale.

La chiamano “operazione DragonBoat”, o almeno questo si ritiene il nome in codice della manovra alla quale Amazon starebbe già lavorando da almeno tre anni.
A integrare quello che dati e supposizioni sembrano delineare come un quadro fortemente plausibile, si aggiungono le indiscrezioni riportate dalla Süddeutsche Zeitung. Sembra infatti che Amazon abbia avviato trattative per l’acquisto dell’aeroporto di Francoforte-Hahn, le cui finanze sono notoriamente in difficoltà. Lo scalo è vicino al centro di smistamento di Coblenza e occupa una posizione ideale sul piano logistico, almeno dal punto di vista di quelli che sono gli interessi del colosso degli acquisti online.

Nel frattempo Berlino si prepara a un’altra piccola rivoluzione che Amazon, questo però è ufficiale, renderà possibile a partire dall’estate, quando un nuovo centro di smistamento cittadino verrà aperto all’interno del Ku’Damm Karree, a Charlottenburg.
Corrieri cittadini dotati di scooter elettrici, infatti, renderanno possibile la rapida consegna dei 10.000 articoli che potranno essere recapitati, in circa due ore, con l’opzione Prime Now.

Share Button