Ad aprile il Tacheles cambia volto

29 March 2016

Share Button

di Lucia Conti

Da quasi quattro anni, e cioè dal momento in cui è stata sgomberato, il Tacheles è rimasto vuoto. Sulla facciata pende ancora l’insetto che tutti conoscono e che identifica lo spazio-simbolo di un’epoca e al piano superiore, negli archi delle finestre, ci sono un paio di lavori in metallo di artisti che hanno contribuito all’attività del più importante “polo controculturale” di Mitte fin dal lontano 1900.

L’ex Kunsthaus di Oranienburger Straße, tuttavia, sta per subire a breve una trasformazione consistente. Il quattro aprile, infatti, la PWR development inizierà ufficialmente i lavori di ricostruzione e rilancio dell’intero quartiere. Lo ha annunciato il responsabile della compagnia Sebastian Klatt.

La sigla PWR sta per Perella Weinberg Real Estate, che ha già acquistato l’area di 25.000 metri quadrati su cui sorge il Tacheles e che si estende da Friedrichstraße fino a Oranienburger Straße. Qui dovrebbe sorgere, entro il 2020, un nuovo quartiere con negozi, uffici e abitazioni e in questo senso Perella Weinberg si prepara ad attuare quello che il Fundus-Gruppe dell’imprenditore Anno August Jagdfeld ha tentato invano di ottenere, sin dal 1998.

“Con il nostro progetto non vediamo l’ora di restituire alla città una parte fondamentale della sua storia”, ha aggiunto Klatt. Il Tacheles è infatti un elemento centrale del paesaggio urbano. Un tempo era parte del Friedrichstraßen-Passage, costruito nel 1908, e gli investitori vogliono riportarlo in auge con nuovi negozi, ristoranti e caffè.

I responsabili del progetto parlano anche di un rilancio culturale del complesso, in qualche modo coerente con la sua tradizione. Dopo la caduta del Muro, infatti, una serie di artisti sono entrati di fatto nella storia del Tacheles salvando la struttura dalla demolizione e l’hanno resa nota a livello internazionale. In questo spirito saranno previste gallerie, atelier, un cinema e forse anche un club nel seminterrato. Proprio sopra il grandissimo portone di ingresso sarà presente invece un ristorante panoramico.

Il progetto, ovviamente, è assai ambizioso e prevede molto altro, tanto per cominciare 450 nuovi appartamenti e un albergo con 140 stanze. Secondo Klatt lo spazio residenziale nel quartiere sarà circa del 38% e verranno inoltre ristrutturati gli edifici che si affacciano su Friedrichstraße. L’area sarà interdetta al traffico, con diversi ingressi e possibilità di attraversamento.

La costruzione del quartiere costerà circa mezzo miliardo di euro. Si occuperà della pianificazione architettonica lo studio svizzero Herzog & de Meuron.

“Con nuove costruzioni e ristrutturazioni dell’esistente, vogliamo catturare la storia di questo luogo e riflettere sull’attualità” ha detto Klatt. Questo si augura anche il responsabile per le costruzioni di Mitte Carsten Spallek (CDU), che ha dichiarato “ora speriamo che i progetti rendano giustizia al luogo e alla sua storia”.

Share Button