A Wedding una casa sull’albero fa fiorire le idee

10 October 2012

Share Button

Chi di noi non vorrebbe cambiare il mondo in meglio? E quanti di noi ci provano, nel proprio piccolo? Chi ci sta mettendo forza e fantasia sono, senza dubbio, la 27enne Karen Wohlert ed il 44enne Scott Bolden. «Per cambiare il mondo bisogna essere divertenti», spiega Karen, che insieme al suo coinquilino ha deciso di costruire una casa sull’albero nel quartiere di Wedding. Sarà un rifugio pubblico per tutto il quartiere e un laboratorio creativo, perché «solo una cosa mi è sempre mancata qui – racconta Scott – un luogo per incontrare tutto il vicinato».

Das Baumhaus è un progetto che vede la collaborazione tra artisti, designer, creativi locali e internazionali e persone attive provenienti da background diversi. «Ci domandiamo sempre che cosa possiamo fare per rendere il mondo un posto migliore. E così abbiamo deciso di dare ascolto a quella vocina». La loro risposta? Creare uno spazio che spinga la persone ad incontrarsi, comunicare in modo significativo e diventare parte di un gruppo impegnato attivamente, sviluppando una cultura urbana sostenibile sia ecologicamente che socialmente.

Quando Karen e Scott hanno trovato lo spazio di 140 metri quadri dai soffitti alti, con al centro una grande colonna strutturale, hanno avuto l’idea della casa sull’albero, trasformando lo spazio in un luogo pubblico d’ispirazione in stile fantasy. Scott, ingegnere e designer, ha disegnato gli schizzi del progetto e le simulazioni in 3D ma, ammette, il risultato finale sarà quasi sicuramente molto diverso, sia nei dettagli che nei materiali: «Solo il vetro è già stato progettato dall’artista newyorchese Isaac Abrams, ma per visualizzare lo spazio ultimato si potrebbe solo immaginarlo come una combinazione di elementi di Gaudi, Frank Lloyd Wright, Il Signore degli Anelli e Avatar, ispirato dall’estetica che si trova in natura», racconta Bolden.

L’idea della casa sull’albero potrebbe essere pensata come un orto comune dove, invece delle piante, si coltiveranno reti di rapporti personali tra persone attive e idee sostenibili, con l’intenzione di soddisfare obiettivi condivisi. Das Baumhaus dovrà essere divertente, funzionale, trendy e stimolante, così da divenire terreno fertile e comune per collaborare, condividere idee e rendere il mondo un posto migliore. «Perché una casa sull’albero? É un luogo accogliente costruito insieme dalla gente del quartiere – spiega Karen – dove incontrarsi, giocare, immaginare e creare ed è un concetto familiare a persone di molte culture».

Artisti locali e residenti, con l’impegno di collaboratori internazionali, partiranno con i lavori di costruzione a novembre, con un design organico influenzato dall’arte, dalle idee e dalla sensibilità di ogni singolo collaboratore. L’apertura della casa sull’albero di Wedding è prevista per il mese di maggio 2013.

DAS BAUMHAUS – IL TRAILER

Share Button