48 Stunden Neukölln: Una barca per rifugiati a Tempelhof

26 June 2015

Share Button
48hfahnefotomartinsteffens

© Martin Steffens

La 48 Stunden Neukölln esiste dal 1999 e si è imposta come una tra le più importanti manifestazioni di arte di Berlino. La sua peculiarità è quella di aprire tutte le porte all’arte, e per tutte s’intendono sia i luoghi consoni, come musei e galleria, ma anche luoghi insoliti e gli spazi pubblici.

Il tema di quest’anno è “S.O.S. Kunst Rettet Welt”, l’arte salva il mondo, che altro non è che una metafora, una sorta di grido di aiuto per un mondo che è realmente in pericolo, tra conflitti interni ed esterni, i conflitti regionali o sociali, il movimento dei rifugiati.

crop_1_Plastique-Fantastique

© Plastique Fantastique

Proprio su questi ultimi vogliamo porre l’attenzione; più precisamente sull’opera LiveBoat, che sarà allestita all’interno del parco di Tempelhof, ovvero una enorme barca gonfiabile costituita da una membrana trasparente, a simboleggiare la lotta e le difficoltà legate a chi è rifugiato, in cui gli avventori avranno la possibilità di entrare. Nella “pancia” del barcone saranno trasmessi estratti multilingue estrapolati dall’Odissea e frammenti trascritti delle esperienze di alcuni rifugiati.

LiveBoat è un’esperienza sensoriale che vuole comunicare un tema importante, quanto quello del dovere scappare dal proprio paese.

Per tutto il resto del programma potete consultare il sito ufficiale.

i-was-born-rage-against-themyam-benyaminimartin-steffens

© Martin Steffens

Share Button