1° maggio, una cartolina da Kreuzberg

2 May 2016

Share Button
photo_2016-05-02_11-08-43

1° maggio a Kreuzberg, Görlitzer Park © Il Mitte

Certe cose non sono poi così diverse dal concertone di San Giovanni, con la gente che a un certo punto piscia per strada, l’odore della carne che sale, le carovane di pischelli.
Ma non c’è una piazza sola che si affolla, né cantanti famosi ad esibirsi; c’è invece un intero quartiere – Kreuzberg – dove la musica è ad ogni angolo di strada, fin dentro i piccoli cortili.
Lì la consolle elettronica del Luzia, là il reggae dello Yaam, dieci metri oltre, l’heavy metal, il folk e, ancora poco più là, melodie turche davanti allo Späti.
Una grande folla si riversa nelle strade, regna la democrazia dei generi musicali.
Davanti all’SO36 vola in aria un palloncino. Sopra c’è scritto: Gegen Krieg und Rassismus.
C’è chi festeggia e c’è chi, poi, non vuole a nessun costo dimenticare che il Primo Maggio è anche un giorno di lotte politiche e sociali, ottenute da padri non troppo lontani nella storia – anarchici, socialisti – pestati a sangue prima, e impiccati poi. Loro da una parte, e i poliziotti, come sempre, dall’altra.
E poiché, in forme più o meno cruente, la storia tende a ripetere le sue trame amare, ecco Kottbusser Tor riempirsi di camionette e tarchiati uomini in divisa. POLIZEI.
Stanno lì da quando un gruppo di antifascisti che viveva proprio in queste case, mise a ferro e fuoco tutta la zona adiacente al Görilitzer Park.
Era il Primo Maggio del 1987 e, come un uccello che a un certo punto entri da una finestra, si affacciò di nuovo la memoria delle antiche sopraffazioni e dei soprusi subiti per colpa delle autorità.
Da allora il Primo Maggio berlinese è questa cosa qui, questo intreccio di festa e di rivendicazione politica, una “parola magica che corre di bocca in bocca”, mentre si danza, mentre si grida.
Peccato solo che oggi sia domenica.

Naviga la mappa per foto e per maggiori informazioni sul luogo che ha ispirato la cartolina

☟⬇⬇↓☟

Questo post è stato pubblicato originariamente su Povera Ma Sexy – Postkarten aus Berlin, un progetto di Nora Cavaccini. Segui il progetto su Facebook.

Povera Ma Sexy – Postkarten aus Berlin è un “viaggio” fisico e letterario a Berlino. Un percorso che nasce dall’esperienza personale di chi scrive ma che, al tempo stesso, può rappresentare una via alternativa per scoprire la città. Per tutti coloro che, in un modo o nell’altro, ne subiscono il fascino. Berlinesi e non.

Ogni post è costituito da un breve un racconto. A ogni racconto è associata una mappa. Qui, cliccando sugli indicatori, comparirà una descrizione. Si tratta di informazioni “turistiche” che non mirano ad essere esaustive ma a collocare meglio il racconto nei luoghi che lo hanno ispirato.

Share Button